AGSM AIM MASTINI A RULLO SUI SAINTS. È SEMIFINALE

Grande prova corale dei gialloblu. Un 44 a 12 che fa sognare

Si continua a sognare il Silverbowl. Per la seconda volta nella loro quindicinale storia gli Agsm Aim Mastini Verona raggiungono la semifinale del campionato di serie A2, confermandosi tra le migliori quattro squadre del campionato 2021. Tra le mura amiche del centro sportivo di Via Monti Lessini a Pescantina, la squadra di coach Bernardi regala emozioni e grande spettacolo in una splendida serata che ha visto ritornare un buon pubblico anche sugli spalti. Un match iniziato con qualche difficoltà per i Mastini, con i Saints bravi ad approfittare del tentennamento iniziale dei gialloblu, pronti a rispondere nel secondo quarto e a salire in cattedra per tutto il match. Un 44 a 12 che arriva da una prestazione corale dei ragazzi del presidente Simone De Martin, con segnature arrivate sia dall’attacco che dalla difesa e dagli special team. Una serata speciale che ha visto salutare con grande dispiacere le mura amiche di Pescantina, proprio perchè si giocherà in trasferta la semifinale che vedrà i gialloblu sfidare i Giaguari Torino vincitori per 34 a 25 sui Daemons Cernusco.

Passando alla cronaca sono subito i Mastini a partire in attacco con Marinelli a fare da cavallo da tiro. Verona supera la metà campo ma sono poi i Saints a neutralizzare il drive gialloblu e a riproporsi in attacco. La difesa scaligera controlla la situazione e Padova è costretta subito al punt. Nel successivo possesso palla scaligero sono però i Saints a rubare subito palla con un turnover che squote i gialloblu. I Saints ne approfittano e con una serie di buone giocate arrivano meritatamente in touchdown con la corsa di Carella. Calcio addizionale bloccato dalla penetrazione di Luca Ceschini e punteggio che si fissa su un parziale di 0 - 6.

I Saints prendono confidenza con la gara e sono bravi a fermare subito il drive offensivo gialloblu. È però la difesa di coach “Ciba” Costanzo a reagire con Ceschini e Argenta che vanno a placcare con perdita di terreno il runner patavino. Nell’azione successiva è l’intercetto di Giacomo Filippetto a cambiare la tendenza del match. I Mastini tornano in possesso palla con sole venti yards dalla goal line.


Il placcaggio di Manuel Argenta


Il cambio di campo per il secondo quarto di gioco vede i Mastini avvicinarsi alla endzone con un quarto down chiuso grazie alla connessione aerea tra Carlo Carminati e Marco Bonacci. CI pensa poi Fabio Simioni a varcare la goal line, grazie al varco aperto dalla linea offensiva scaligera. Amerigo Monte centra i pali e Mastini che fissano il punteggio sul 7 a 6.

Padova tenta di reagire ma è un lancio nella parte centrale del campo a finire nelle mani del capitano scaligero Filippo Mutascio che riconsegna il possesso palla a Verona. I Saints alzano il muro concedendo davvero poco al gioco di corsa scaligero. È allora uno splendido lancio per Bonacci a regalare grandi emozioni. Il numero 5 gialloblu estende le braccia verso il cielo, riceve la palla e va a guadagnare ulteriore sei yards avvicinandosi alla end zone. Un errore sullo snap fa retrocedere l’attacco scaligero ma è la scelta di giocare un quarto tentativo e lungo che regala il secondo touchdown di serata. Carminati deve raccogliere da terra lo snap, se ne va in scramble sulla destra e lancia un missile terra aria direttamente in endzone per un libero Simone Venturi che fissa il punteggio sul 14 a 6.

A questo punto i Mastini salgono in cattedra con una difesa che mette sotto pressione l’attacco patavino. Ganlyen e Argenta alzano il muro ed è poi Sembenini a bloccare il tentativo di reverse di Padova, costringendoli al punt. Ceschini penetra e a braccia tese blocca il calcio dei Saints. Merlino recupera palla in endzone ed è una safety che regala due punti a Verona (16 a 6).

Mancano meno di due minuti all’intervallo e i Mastini si trovano nuovamente in possesso palla. Le ricezioni di Manuel Savoia e Vladimir Bemmo Pogo avvicinano i gialloblu alla goal line. Edoardo Gobbo e Marcello Mutascio aprono un’autostrada per Fabio Simioni che intoccato va a segnare il touchdown del 23 a 6 dopo l’extra point di Monte.


Al rientro dagli spogliatoi i Saints ripartono in attacco ma i Mastini sono subito bravi a creare il big play che spezza in due il match. Filippo Mutascio legge perfettamente le intenzioni di lancio di Vecchiato. Il numero nove scaligero va ad intercettare la palla e con una veloce serpentina si porta in endzone per il touchdown che fa esplodere di gioia compagni di squadra, pubblico e sideline scaligera. Il punteggio si fissa sul 30 a 6 a favore di Verona e per Padova è subito una doccia gelata. La reazione arriva però dalla difesa patavina con il bell’intercetto di Contessa che va a riconsegnare palla ai propri colori. I Mastini però non permettono nessuna reazione ai Saints con Jack Vitari e Lord Adofo sugli scudi. Nel successivo possesso palla scaligero sono Simioni e Marinelli a guadagnare yards a grandi falcate, imitati da Marco Bonacci che con due belle ricezioni porta i gialloblu a ridosso della endzone. Ci pensa così Manuel Savoia a varcare la goal line per un 37 a 6 sempre più significativo.

Masiero di rabbia ritorna il kick off sino alle 40 yards offensive e i Saints, come è loro consuetudine non mollano.


Il quarto quarto di gioco si apre infatti con il touchdown di Danese che riceve da Breggiè e accorcia le distanze sul 37 a 12 perchè Ceschini è splendido a bloccare la giocata alla mano dei Saints con un placcaggio di grande fattura. Il sack di Mauro Merlino e l’intervento aereo di Filippetto per neutralizzare una buona giocata aerea dell’attacco patavino mostrano il continuo dominio della defense gialloblu. Nel possesso scaligero successivo è Manuel Savoia ad infiammare il pubblico per una corsa a lunga gittata sulla sideline. I Mastini si trovano a poche yard dalla goal line quando è Marinelli a varcarla per fissare il punteggio sul 44 a 12 finale.

A fine gara i festeggiamenti dei cagnacci gialloblu con coach Bernardi pronto subito a calmare gli animi. Ci sono due allenamenti fondamentali per preparare una semifinale che può continuare il sogno. Il Silverbowl di Piacenza è ad un passo e i gialloblu faranno di tutto per compierlo.


13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti